Ogni piazza ha tanti mercati.

Figuriamoci quanti mercati ci sono in tante piazze!

Sabato scorso ho partecipato alla #colletta16 e quest’anno ero responsabile di due punti vendita di due diverse insegne nazionali (non discount) in un paese di 7.500 abitanti.

Il passare spesso dall’uno all’altro mi ha consentito di identificare che nell’unica piazza ci sono almeno due ben distinti mercati.

Al di là delle dimensioni dei punti vendita e del bacino di pubblico ci sono delle differenze molto sostanziali.

Riepilogo qui i dati di un’analisi empirica fatta presso i due supermercati, entrambi all’interno di gallerie commerciali semiabbandonate.

Catena 1

Insegna generalmente percepita come molto cara, orario spezzato

Pochi clienti usano il carrello, forse un 20%

La scortesia dei clienti nei nostri riguardi raggiunge almeno il 60%, persone che fanno finta di non vederci ed anche con offese dirette a noi e a coloro che presumono saranno i destinatari. All’interno del 40% di coloro che hanno accolto l’invito ci sono stati però casi di straordinaria umanità, ne racconto uno che mi ha commosso in fondo al post

I prodotti raccolti erano perlopiù a private label o primo prezzo, pochi prodotti di marche note

Catena 2

Insegna generalmente percepita come cara, orario continuato

Abbastanza clienti usano il carrello, diciamo un 40-50% ma non escono mai colmi

Clienti cortesi, l’80% prende il volantino della colletta alimentare, il 20% declina la proposta ma non ci ignora né usa epiteti irripetibili

Prodotti di marche note, un po’ di private label e quasi nulla di primo prezzo

Conclusioni

Parlavo di una piazza di 7500 anime, la differenza fra i due mercati è abissale. Prima di ogni decisione commerciale certate bene di conoscere il vostro mercato. Ad esempio se volessi aprire un negozio in uno degli spazi sfitti delle due strutture sarebbe indispensabile valutare, oltre ovviamente ai dati di affluenza, anche la tipologia.

Un’altra conclusione è che se non mi fossi preso un giorno libero per partecipare alla Colletta Aliementare non avrei avuto accesso a questa analisi che mi ha notevolmente meravigliato. Forse l’avrei ammesso fra grandi insegne della distribuzione e discount e assimilabili ma non fra due supermercati tradizionali.

Il racconto

Poco prima della chiusura mattutina del supermercato esce una signora sui 65 anni che ci lascia 3 borse da spesa (non i sacchetti che lasciavamo noi) colme di prodotti. Nel consegnarci il bottino ci affida anche questa preziosa testimonianza:

Quando ero piccola ero povera, tante volte guardavo con invidia gli altri bambini e desideravo quello che avevano senza poterlo raggiungere. Con il tempo le cose sono migliorate, qualche soldo, poi la casa ed ora sto abbastanza bene.

A questo punto avevo solo due alternative: tenermi ben stretto quello che avevo raggiunto lasciando che i poveri si arrangino oppure aiutare gli altri ricordando com’ero io. Ho scelto la seconda.

Questa testimonianza ha compensato da solo tutto il male ricevuto. Perché sappiatelo: anche in tranquillo paesino della bassa, dove non si erigono barricate materiali i muri mentali sono molto alti e impenetrabili.

Sovrapprezzo sul contrassegno: è lecito?

C’è un gran brusio fra gli operatori e-commerce riguardo alla presunta illegittimità del sovrapprezzo nel caso di pagamento in contrassegno.

È lecito? La risposta breve è , si può chiedere un sovrapprezzo per i pagamenti in contrassegno allo stesso modo in cui si può chiedere per una spedizione espressa anziché ordinaria.

La risposta più esaustiva viene andando a ritroso nella normativa.

Partiamo dal comunicato dell’Antitrust che potete leggere qui e che nel testo dice (grassetto nell’originale):

Vale la pena di sottolineare che la norma riguarda non solo le carte di credito, ma anche altre forme di pagamento come i bonifici e gli acquisti in contrassegno.

In realtà hanno preso una cantonata.

Il comunicato stesso fa riferimento all’art. 62 del Codice del Consumo che recita:

1. Ai sensi dell’ articolo 3, comma 4, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 11 , i professionisti non possono imporre ai consumatori, in relazione all’uso di determinati strumenti di pagamento, spese per l’uso di detti strumenti, ovvero nei casi espressamente stabiliti, tariffe che superino quelle sostenute dal professionista.
2. L’istituto di emissione della carta di pagamento riaccredita al consumatore i pagamenti in caso di addebitamento eccedente rispetto al prezzo pattuito ovvero in caso di uso fraudolento della propria carta di pagamento da parte del professionista o di un terzo. L’istituto di emissione della carta di pagamento ha diritto di addebitare al professionista le somme riaccreditate al consumatore.

Già leggendo il secondo comma si capisce subito che si parla di moneta elettronica che nulla ha a che vedere con il contrsssegno. Ma fermiamo al primo comma, quello che effettivamente vieta il sovrapprezzo. Questo comma fa riferimento ad un altro testo di legge.

All’articolo 3, comma 4 leggiamo:

Il beneficiario non può applicare spese al pagatore per l’utilizzo di un determinato strumento di pagamento. […]

Notiamo la dicitura strumento di pagamento. Risaliamo nel testo del decreto legislativo per capire cosa si intende, e fra le definizioni all’articolo 1, comma 1, lettera s):

“strumento di pagamento”: qualsiasi dispositivo personalizzato e/o insieme di procedure concordate tra l’utilizzatore e il prestatore di servizi di pagamento e di cui l’utilizzatore di servizi di pagamento si avvale per impartire un ordine di pagamento;

Ops, altra definizione, questa volta alla lettera g):

“prestatore di servizi di pagamento”: uno dei seguenti organismi: istituti di moneta elettronica e istituti di pagamento nonché, quando prestano servizi di pagamento, banche, Poste Italiane s.p.a., la Banca centrale europea e le banche centrali nazionali se non agiscono in veste di autorità monetarie, altre autorità pubbliche, le pubbliche amministrazioni statali, regionali e locali se non agiscono in veste di autorità pubbliche;

Quindi strumenti di pagamento sono quelli che ti vengono messi a disposizione da una banca (in via non esaustiva una carta di credito, di debito, un borsellino elettronico, ecc.).

Il contrassegno ai sensi della normativa di cui parliamo NON è uno strumento di pagamento e pertanto su di esso NON è vietato applicare un supplemento.

Siete d’accordo? Non siete d’accordo? Perché?

Social (friend’s birthday) commerce.

Lo scrivo qui solo per poter dire un giorno “ve l’avevo detto” quindi potete ignorare questo post a meno che non ve l’abbia segnalato appositamente.

Facebook sta iniziando a consentire alle aziende di avere una vetrina di e-commerce all’interno delle pagine (ad esempio potete trovare qui quella della mia azienda.

Mentre scrivo i comuni utenti possono solo condividere o annotare per se stessi gli articoli interessanti (oltre ovviamente a raggiungere il sito che vende).

Facebook consente di fare pubblicità altamente mirata sugli utenti in base alle passioni e finanche alla prossimità del compleanno.

2 + 2 = 5 (ovvero il tutto è maggiore delle parti)

Quanto tempo mancherà prima che Facebook aggiunga la funzione wishlist dal catalogo della pagina? Quanto tempo mancherà prima che Facebook consenta ai gestori della pagina di fare pubblicità nei confronti degli amici di chi compie gli anni?

Un bel giorno succederà che ci troveremo uno spot che reciterà più o meno:

Fra 15 giorni il tuo amico Stefano compie gli anni, se vuoi fargli un regalo e non hai idea di cosa scegliere guarda un po’ fra questi prodotti che desidera.

Con sotto la lista dei prodotti in wishlist ordinati in base a quanto il gestore della pagina era disposto a pagare.

Io penso che tutto questo avverrà entro la fine del 2017. Ci ho preso?

Earned media.

Era circa 10-12 anni fa che ipotizzavo di avere, accanto allo store, un wiki. Ogni prodotto nello store avrebbe dovuto avere la sua corrispondente pagina wiki in cui gli acquirenti avrebbero potuto pubblicare testi, immagini, istruzioni ed hack riguardanti il prodotto stesso. Non sono mai riuscito ad implementarlo per vari motivi.

Era il 30 agosto 2011 (qui in forma espansa) quando per un contest al RomagnaCamp suggerii di far fare pubblicità ai viaggi direttamente ai turisti.

Che l’earned media venga scoperto/valorizzato solo oggi mi fa pensare di essere sempre troppo in anticipo sui tempi.

E così il viaggio non lo vinsi io.

Salviamo gli animali, sfruttiamo le donne.

enpaGirando per la strada ho visto questo manifesto contro l’abbandono degli animali. Io però lo trovo piuttosto vergognoso per molteplici motivi.

1. sessismo

Lo so che è una parola che va di moda, ma perché tutta la serie dei manifesti sfrutta avvenenti esemplari femminili? Forse che l’abbandono degli animali domestici sia solo questione di uomini senza cuore?

2. estetismo

Lasceresti una così?

Certo che no.

E su che cosa dovrei farmi la mia opinione? Solo sull’aspetto fisico?

E se la signorina (mi scusi la signorina ritratta, il commento non è ovviamente rivolto specificamente a lei che non conosco) puzzasse come un tauntaun*? Voi vorreste vivere costantemente con la puzza di un tauntaun accanto?

E se invece fosse un problema di incompatibilità di carattere?

Dalla foto però si evince che siccome la ragazza è avvenente non la si lascerebbe mai!

3. stalking

E se la signorina volesse lasciare il lui che legge il manifesto? Sarebbe libera di allontanarsi o verrebbe trattenuta con la forza? Fino a che punto?

NON si abbandonano gli animali

Sia chiaro che non sto in alcun modo dicendo che abbandonare gli animali sia giusto. È assolutamente sbagliato (oltre che un reato) e quando ci allontaniamo da casa per qualche giorno ci assicuriamo che il nostro cane (preso dal canile) sia regolarmente accudito. Quello che intendo dire è che per come è strutturata la pubblicità con il giusto fine di aiutare gli animali si trasforma la donna in un oggetto. Non mi piace.

 

* un tauntaun è l’animale di cui Ian Solo dice “Oh… oh… puzzava già fuori questo… dentro poi è una fogna!”