Carta canta.

Mi e’ arrivato oggi lo spam di un’azienda che vuole propone la trasformazione di PDF in libri da sfogliare… elettronici.

Sono restio a mettere il link ad uno spammer, ma per farvi capire mi tocca.

In buona sostanza il PDF perde di leggibilita’ dovendo sfogliare le pagine che mantengono le ombre della “piegatura”, non c’e’ possibilita’ di copia-incolla, lo sfogliare delle pagine produce un rumore che disturba.

Insomma, hanno raccolto tutti i difetti della carta stampata e li hanno uniti ad un documento elettronico.

Complimenti.

Essere o avere.

La ministro Melandri propone di ridurre l’IVA sui preservativi al 10% per facilitarne l’acquisto (e si presume l’uso) fra i giovani.

Ancora una volta lo stato anziche’ premurarsi dell’educazione dei giovani anche nei confronti di una sessualita’ responsabile non solo dal punto di vista meccanico ma nel suo complesso (ad esempio educando alla fedelta’) preferisce svilire questi concetti obsoleti invitando tutti a trombare con chi vogliono, purche’ usino il preservativo (anche se sappiamo benissimo che nella prevenzione delle malattie trasmissibili sessualmente e’ tutt’altro che sicuro).

Attendibilita’.

Come era stato possibile che l’Unione avesse rischiato la sconfitta, dopo avere condotto tutta la campagna in vantaggio, secondo i sondaggi, di quattro-cinque punti percentuali?

Questa e’ una frase usata per giustificare il libro “Il broglio”.

Come se i sondaggi telefonci dovessero essere sicuri, mentre i risultati delle urne invece dovessero essere facilmente alterabili.

I conti tornano.

Per la CGIA di Mestre, come gia’ supponevo e scrivevo, questa finanziaria mira a punire le piccole imprese.

Per chi ha fino a 5 dipendenti l’aggravio andra’ da 1.967 a oltre 2.500 euro.

E considerando che le imprese fino a 5 dipendenti sono il 90% del totale italiano ed occupano quasi il 40% del personale l’effetto a catena sara’ tutt’altro che trascurabile.

Elementare.

La Corte di Cassazione ha fatto sapere che non e’ compito suo contare le schede bianche e nulle.

Nulla in contrario, ma sapendo il numero degli elettori (e questo e’ un dato di fatto) ed il numero di voti validi (38.153.343 alla Camera secondo la stessa Cassazione) basta una operazione da terza elementare per sapere a quanto ammontano le schede non valide.

In ogni caso i dati della Cassazione non possono in alcun modo essere influenzati dal presunto convertitore di schede (da bianche ad azzurre) del Viminale poiche’ i dati alla Cassazione non arrivano dal Viminale bensi’ dalle Corti di Appello regionali alle quali arrivano dalle Prefetture.

Controllori.

E’ di ieri la notizia che nella faccenda del video del liceo di Torino sarebbero indagati anche due dirigenti di Google Italia.

L’accusa per loro sarebbe il non aver controllato quello che gli utenti mettevano in rete e dunque il concorso nel reato.

Spero si tratti solo di un atto dovuto e non si crei ora, dopo tutti i casi precedenti in cui il provider non e’ stato ritenuto colpevole, un precedente pericoloso che porterebbe alla chiusura di tutti gli spazi liberi in rete dai newsgroup ai forum, ai blog.

Mea Culpa.

Per un evidente errore di omonimia ieri il Giornale titolava “La Turco vuole l’eutanasia per legge”.

Infatti il quotidiano aveva confuso la ministro Turco con l’On. Turco dei radicali.

Oggi, dopo averlo fatto anche ieri tramite le agenzie, questo errore viene riconosciuto in prima pagina, con la stessa evidenza dell’errore commesso.

Quante volte invece i giornali che sbattono i presunti criminali in prima pagina poi dimenticano di enfatizzare altrettanto il loro errore nel giudizio affrettato?

C’e’ da rendere merito a Belpietro del suo mea culpa.

E c’e’ altrettanto da rendergli merito per il fatto di evidenziare che si’, loro hanno sbagliato Turco ma e’ altrettanto vero che sul progetto di legge non hanno sbagliato e che qualcuno dell’attuale maggioranza di governo ha promuove l’eutanasia legale.

eStriscia.

Nella puntata di ieri sera Striscia la Notizia si e’ occupata di truffe realizzate tramite eBay.

Ma quando Max Laudadio e’ arrivato in Sicilia a casa della persona che intascava (tramite ricariche PostePay) e non spediva ha trovato all’opera la Guardia di Finanza.

A fine servizio hanno anche dato una mail ufficiale della Guardia di Finanza a cui segnalare appunti i casi simili sos@gat.gdf.it.

Che sia finalmente l’inizio di un nuovo corso?

Bianco suffragio.

Il film-documentario sulle presunte frodi da parte del centrodestra alle scorse politiche sta per uscire.

1) La magistratura apre un’inchiesta a proposito.

2) Le giunte per le elezioni di Camera e Senato continuano imperterrite a non tenerne conto, anzi, e’ la sinistra che non vuol far di conto per verificare la correttezza delle elezioni.

3) I rapprensentanti di lista della sinitra si domandano come sia possibile che le schede elaborate da loro possano cambiare colore. Infatti storicamente il PCI-PDS-DS ha sempre avuto una copertura nazionale dei seggi per controllare l’assenza di brogli, se fosse vero che oltre 1 milione di schede cambia improvvisamente colore da bianco ad azzurro dovrebbero essere i primi a segnalarlo.

4) La repubblica (delle banane) si sfrega le mani per la pubblicita’ che sta ricevendo.