Sospensione attività Zopa.

Tutti gli zopiani hanno ricevuto oggi una comunicazione dalla società che segnalava che tutte le attività erano sospese.

Oltre a quanto si legge sul sito di Zopa che da subito ha mantenuto la massima chiarezza su quanto stava accadendo, sto intrattenendo uno scambio di mail con Carlo che sempre è stato gentilissimo anche in occasione dei post precedenti (anche quelli non del tutto positivi).

In buona sostanza la sospensione dell’attività non è dovuta alla fuga all’estero dei gestori o ad operazioni finanziarie allegre.

Il problema è sorto per il fatto che il denaro che i prestatori versano a Zopa per il successivo impiego è raccolto in un conto corrente e questo affianca all’attività di intermediazione finanziaria (che era regolarmente autorizzata e che ora è stata sospesa) anche quella di raccolta di risparmi. Dal mio punto di vista si tratta di un errore di interpretazione eccessivamente restrittiva e letterale della norma. Ad esempio visto il diverso modo di agire Boober non dovrebbe avere un problema analogo.

Cosa succede ora.

Nell’immediato Zopa ha correttamente sospeso tutte le attività di valutazione dei prestiti e l’accettazione di nuovi zopiani. Nulla cambia invece per i prestiti già erogati ed in corso. Zopa sta anche comunicando in continuazione con ministero e Banca d’Italia per ripartire.

Nel breve periodo Zopa continuerà a gestire i prestiti in corso con incasso delle rate (anche con le eventuali operazioni nei confronti dei ritardatari) e messa a disposizione dei soldi ai prestatori, non c’è attività di riprestito automatico. Non ci sono rischi per i prestatori in questa fase.

Nel medio e lungo periodo qualora questa situazione dovesse protrarsi per diverso tempo Zopa subirà un danno molto marcato, se non ci sono prestiti non ci sono ricavi per Zopa e questo produrrà difficoltà amministrative.

Mi auguro che chi ha sempre lavorato onestamente ed alla luce del sole non subisca danni irrimediabili e che tutto questo sia dovuto ad un impiegato troppo zelante e non ci siano sotto manovre atte a danneggiare Zopa ed il social lending in generale.

Monna Lisa da Nazaret.

Via .mau. scopro che nel Regno Unito amano molto i documentari assurdi. E che in Italia gli si da anche risalto.

Lillian Schwartz è stata rappresentata come una grande scienziata e documentarista. Ma la wikipedia in Inglese la presenta come un’artista ultraottantenne.

Le sue ricerche tenderebbero a dimostrare come la Monna Lisa altri non sarebbe che Leonardo da Vinci.

Se ne son dette tante sulla Gioconda che anche questa può starci.

Ma nel nuovo documentario c’è un ulteriore passo in avanti.

Anche l’uomo della Sindone sarebbe Leonardo da Vinci.

Ne consegue che il volto della Sindone e Monna Lisa sarebbero la stessa persona.

Ancora più assurde le spiegazioni tecniche sulla realizzazione dell’opera, si tratterebbe di una fotografia.