Tablet Android: Olivetti OliPad 100.

Il sottoscritto accanto a Marco Zamperini ed Elena Franco.

Giovedì scorso ho avuto l’opportunità esclusiva (onestamente pensavo saremmo stati molti di più rispetto alla quindicina di presenti in tutto ad ascoltare la presentazione di Riccardo Jelmini e Monica Gallinardi) di partecipare nella sede di Telecom Italia alla presentazione dell’Olivetti OliPad 100, il primo tablet nato nella casa della grande O di Ivrea.

Mi è stato chiesto se non fosse da pazzi presentare l’OliPad il giorno prima dell’uscita dell’iPad 2. No, nella misura in cui il mercato è in forte crescita e sostanzialmente non si scontrano come segmento a cui si rivolgono, la differenza stessa di prezzo lo dimostra. OliPad 100 esce a 399 Euro di prezzo consigliato ma è possibile averlo anche con diverse formule in abbinamento all’ADSL Alice o ad un abbonamento TIM. Olivetti in ogni caso è cosciente di non poter competere frontalmente con Apple e dunque non se ne preoccupa oltremodo.

La scatola

Sopra iPad, sotto OliPad (Foto: Elena Franco) Clicca sulla miniatura per vedere la foto grande.

Per quanto riguarda l’aspetto fisico, non sono assolutamente d’accordo con chi dice che assomiglia troppo ad un iPad. Ci sono altri dispositivi ben più cloni. Ovvio che essendo un tablet ha certe caratteristiche fisiche che non possono essere dissimulate ma siamo al livello di dire che due auto si assomigliano perché entrambe hanno quattro ruote.

(Foto: Elena Franco)

Poteva certamente avere più personalità, rimane in fondo un po’ anonimo a partire dalla O rossa su fondo nero che quasi si nasconde. Io ad esempio sarei partito anche con la versione in bianco (vedi sotto nei suggerimenti). Essendo un 10″ in 16:9 le misure sono quelle, sullo spessore, pur essendo grosso, onestamente non mi pare che faccia effettivamente la differenza.

Sopra OliPad, sotto iPad. (Foto: Elena Franco)

Quanti sono quelli che in un net/notebook giudicano lo spessore più importante della diagonale dello schermo?

Dentro la scatola

Ha caratteristiche di tutto rispetto, da prodotto di nuova generazione a partire dalla CPU dual core ad 1 GHz, 1 GB di RAM e 16 (espandibili) per l’archiviazione (tutti i dettagli sul sito ufficiale). Essendo un tablet wi-fi + 3G (il 3G solo per dati ed SMS, non ha la telefonia a differenza ad esempio del Galaxy Tab) si nota molto la mancanza del GPS integrato. Non sono riuscito a capire il motivo di questa scelta. Lo schermo fa il suo mestiere, c’è chi lamenta un angolo di visuale troppo ristretto, io in un dispositivo simile lo vedo più come una feature che come un bug perché chi mi sta attorno non riesce a farsi troppo comodamente gli affari miei. La batteria è generosa, 3.650 mAh che non ti fanno mai sentire agli sgoccioli, con un uso normale dovrebbe garantire la giornata lavorativa senza alcun dubbio.

Android

Come appare una delle tre schermate home. (Foto: Elena Franco)

Siamo giunti al punto saliente del prodotto. L’Olivetti OliPad 100 monta un Android 2.2 Froyo talmente personalizzato che l’interfaccia HTC Sense è nulla al confronto al punto che ho fatto un po’ di fatica a raccapezzarmici. Se a questo aggiungiamo che non ha le app Google installate (come ben sappiamo gli applicativi Google non hanno la stessa licenza del sistema operativo e dunque vengono installate solo con il permesso specifico di Google che per Froyo non lo da per dispositivi oltre i 7″) e neppure il market Android viene fuori che l’uso dell’OS col robottino verde è quasi solo incidentale. Questo forse è il limite maggiore del dispositivo come spiegherò nelle conclusioni.

Il software

Dal punto di vista del software, che è sostanzialmente la parte generata in Italia del progetto, abbiamo un numero tutto sommato limitato di applicazioni. Facebook, Twitter e Youtube ad esempio aprono il browser rimandando alla versione mobile dell’interfaccia web (addirittura Twitter poi mi suggeriva di scaricare l’app per iPad :-P). Per le mail c’è un’applicazione proprietaria che non sono riuscito a configurare per il mio account aziendale su Google Application ma probabilmente era un problema di connessione e di tempo a disposizione. Il browser è ben fatto, veloce, supporta Flash e può essere configurato per presentarsi come browser standard o mobile, in modo da poter ingannare anche certi “posti di blocco” che vorrebbero farti pagare in base al dispositivo che usi o per poter sfruttare al meglio i 10″ quando i siti vorrebbero farti vedere la versione progettata per uno schermo da 2-3″.

Menzione a parte merita Biblet, l’e-reader di casa (o di condominio se vogliamo). All’interno c’era un libro di esempio: la Divina Commedia. La tipografia era talmente scadente che il testo non andava a capo dopo ogni verso ma solo dopo ogni terzina. Non so se gli altri prodotti editoriali acquistabili tramite Biblet siano meglio o peggio, di certo il biglietto da visita lasciava molto a desiderare.

Accessori

Riccardo mentre ci mostra alcune slide dall'OliPad (Foto: Elena Franco)

Non si può non prendere il suo supporto (che dovrebbe costare una ventina di euro) che funge da base di ricarica e consente di collegare due dispositivi USB (ho chiesto se regge una tastiera ma mi è stato suggerito comunque di prenderla BT) ed ha la porta HDMI full’HD per collegarlo ad un TV.

Conclusioni e suggerimenti ad Olivetti

Un hardware con molti pregi e pochi (anche se evidenti) difetti ad un prezzo più che buono rispetto ai concorrenti diretti. Un firmware fortemente limitato e già tagliato fuori da aggiornamenti importanti (è stato escluso il passaggio ad HoneyComb o anche solo a GingerBread mentre aggiornamenti minori e bug fixing sono assicurati).

Al termine di questa mia analisi (che comunque si basa su in incontro ravvicinato di appena un paio d’ore, nulla che possa essere assimilato ad una prova sul campo per almeno un paio di settimane e che spero di poter fare) ritengo che questo prodotto per poter avere un mercato decente richieda alcuni interventi mirati dietro le quinte soprattutto sulle applicazioni presenti di default e sulla facilità di installazione di altre. Slide Me preinstallato non mi pare la soluzione.

Il target di questo prodotto dal mio punto di vista si riduce sostanzialmente a tre categorie ben definite e non sovrapponibili:

  1. Gli smanettoni. Come già dicevo l’hardware è soddisfacente e quindi, visto il prezzo concorrenziale, rootare ed installare una rom cucinata potrebbe dare le sue soddisfazioni (ho chiesto come si comporterà l’assistenza tecnica di fronte ad un terminale rientrato per problemi in garanzia qualora fosse installato un firmware non originale, mi è stato detto che si informavano e mi facevano sapere. Quando avrò la risposta la riporterò). Questa però è la categoria a cui meno punterà Olivetti sia dal punto di vista numerico di esemplari venduti che dal punto di vista del post vendita.
  2. Le aziende. Pare che sempre più aziende stiano pensando a fornire tablet al posto di PC (forse il passo successivo è l’eliminazione della scrivania?) ed Olivetti forte del suo marchio potrebbe essere il fornitore di riferimento. Oltre all’aspetto commerciale (leasing, assistenza tecnica, ecc.) molto dipenderà anche dal software a corredo che andrà ampliato e focalizzato. Dunque di serie ci vogliono tutti gli strumenti di produttività aziendale (suite per ufficio, client mail, rubrica ed agenda sincronizzabili con il server aziendale o con la cloud) ed anche strumenti di amministrazione remota centralizzata per installazione, aggiornamento, rimozione, backup di ogni terminale. Questo è un segmento fondamentale per Olivetti qui si fanno i numeri nella fornitura ed ancora più si fanno i numeri nei servizi aggiuntivi. Se entro un paio di mesi iniziano ad offrire queste soluzioni potremmo trovarci a fine anno con un numero di OliPad in circolazione non indifferente.
  3. Le famiglie. «D’accordo signor 187 (perché per le famiglie i canali professionali Olivetti sono inadeguati) ma perché dovrei mettermi in casa il suo tablet? Cosa fa di bello?» Ecco, parlavo tante righe fa di colori bianco e nero, non si tratterebbe di una differenza mera della custodia ma anche del cuore interno. Non dell’OS ma delle applicazioni di certo. Lasciando il nero all’ambiente business avremmo il bianco per quello home. E qui l’abbinata Olivetti/Telecom Italia dovrebbe sbizzarrirsi a più non posso con un market diretto degno di questo nome. Perché se Amazon (che ha sempre venduto libri) si mette a vendere App per Android non vedo perché di fianco allo store Biblet non possa essercene anche uno per le App? Ricettario, contabilità domestica, guida TV ad esempio potrebbero essere tutti interessanti. Sono l’unico a vedere in OliTab anche una versione più grande di Uebbi? Come allora avevo ipotizzato la disponibilità di applicazioni anche a pagamento (tramite bolletta Telecom) anche qui si potrebbe avere molto di più. E perché non dotarlo anche di un client per Alice home TV? Del resto con la porta HDMI una volta connesso al TV di casa sarebbe a posto. Ma anche segreteria telefonica ed SMS sul numero fisso di casa (ed ovviamente anche dell’ufficio) per i clienti rimasti fedeli a mamma Telecom. Tutti servizi che genererebbero ulteriori entrate nelle casse del gruppo e porterebbero ad una maggior fidelizzazione della clientela, più che venderlo a 10 euro al mese per 3 anni.

Lo comprerei? Tutto sommato sì.

Se dovessi scegliere fra un Samsung Galaxy Tab e l’Olivetti OliPad 100 certamente prenderei quest’ultimo che è un vero tablet e non un telefonone con un formato comunque scomodo. Se Olivetti iniziasse a mettere in pratica i miei suggerimenti lavorando sull’ampliamento di questo più che sul rilascio continuo di nuovi modelli certamente sarebbe un affare. L’impressione che ho tratto dall’incontro è stata positiva, come se veramente volessero ascoltare i suggerimenti per poi farne tesoro sia su questo che sui futuri modelli. I miei suggerimenti (e se Olivetti vuole ne ho tanti altri da mettere sul piatto se mi lasciano un OliPad da provare :-P) sono esigenti ma offrono anche i giusti margini di ricavo, diciamo che non si presentano solo come pretese.

Solo 2 minuti.

Tutti sappiamo, se abbiamo avuto urgenza di togliere i panni dalla lavatrice almeno una volta in vita nostra, che al termine del programma il nostro fido elettrodomestico non ci lascia aprire la porta prima di 2 minuti dall’arresto del cestello.

Mi è stato detto che si tratta di una normativa europea di sicurezza.

Ecco, vorrei proprio sapere quanta gente in Europa è finita all’ospedale azzannata da una lavatrice mannara.

Mentre aspettavo giusto un paio di minuti per poter estrarre i panni da stendere mi è venuta un’illuminazione. Ma quanti minuti si perdono in Europa per evitare questo genere di incidente domestico?

Quello che segue sono conti puramente spannometrici, prendeteli come esercizio.

  1. Nell’Unione Europea siamo 500 milioni (fatto)
  2. L’aspettativa di vita è di 77,5 anni (ibid)
  3. Viene fatta una lavatrice al giorno ogni 5 abitanti (ipotesi, deduzione in base a informazioni di una ristretta cerchia di popolazione)

Abbiamo quindi in base a questi dati che in Europa (leggasi Unione Europea) si fanno 100 milioni di lavatrici al giorno con un tempo di attesa a fine ciclo complessivamente di 200.000.000 di minuti.

In buona sostanza questa normativa di sicurezza ci fa perdere 138.889 giorni al giorno.

Massì: 2 minuti / 5 = 40 secondi a testa, cosa vuoi che sia!

40 secondi a testa al giorno per 77,5 anni = 18.871 minuti ovvero 2 settimane a testa ad aspettare che la lavatrice apra la porta.

Nulla al confronto dell’aspettare la morosa sotto al portone, ma comunque una cifra significativa.

Ci avevate mai pensato? No? Allora siete più normali di me.

Senza.

Paolo Attivissimo ha legittimamente, non voglio certo metterlo in dubbio, troncato i suoi feed, anche il post che comunica questa decisione è troncato e non dà l’opportunità di leggerlo per intero se non visitando il sito, per evitare che gli spam blog riproducessero pari pari i suoi post senza citarlo come fonte. Spam blog che secondo le ultime indicazioni saranno comunque pesantemente sanzionati da Google nella ricerca.

A parte il fatto che puoi inserire in automatico nel feed anche il link al post originale e l’autore del blog stesso, a me sembra che per un divulgatore ci sarebbe solo da rallegrarsi che i propri contenuti, le proprie idee, circolassero anche oltre la propria cerchia di utenti abituali.

Il suo comportamento mi pare non dissimile a quello delle case discografiche che usano i DRM per evitare che i brani vengano selvaggiamente (a detta loro) copiati senza rendersi conto che il danno più grande lo fanno ai loro utenti paganti (in denaro o fedeltà).

Per quanto mi riguarda smetterò di seguire Attivissimo via feed e lo leggerò solo se mi capiterà in modo incidentale.

Io continuo a rilasciare feed integrali e senza pubblicità (nel caso cambiassi richiamatemi all’ordine) perché ritengo che chi si è preso la briga di sottoscrivere il feed per un rapporto duraturo meriti questo, al contrario chi arriva da Google e trova un post più o meno interessante ed utile può permettersi di sorbirsi anche un paio di banner comunque non invasivi.

Voi cosa ne pensate?

Zopa.it blog – news, aggiornamenti e altri pensieri Zopiani

Ieri abbiamo depositato la documentazione integrativa richiesta da Banca d’Italia.

Attendiamo con serenità e fiducia la risposta definitiva entro circa due settimane.

via Zopa.it blog – news, aggiornamenti e altri pensieri Zopiani.

Zopa potrebbe ripartire a breve. E questa è una buona notizia.

HTC Tattoo: da costoso soprammobile a smartphone

HTC Tattoo meets Android 2.3

Come qualcuno avrà già letto in “HTC Tattoo: mai più“, l’esperienza con il terminale di casa HTC non è stata certo delle migliori. Di recente il terminale è stato rispedito in assistenza (con 2 pagine di crashlog allegate) ed è tornato intonso, come spedito, e sempre bacato.

La mia ultima chiamata all’assistenza tecnica è iniziata bene: l’operatrice mi risponde “Il signor Alex non lavora più qui”. Il signor Alex era stata la persona dall’idioma quanto più simile all’italiano, e che mi aveva richiesto un video e il log del problema. Alla prospettiva di dover ricominciare a spedire il telefono in assistenza, ho abbandonato l’idea di risolvere il problema tramite loro.

Questa miniguida nasce per chi, come me, è stato preso in giro da un’azienda senza alcuna attenzione al cliente, che ha messo in commercio un terminale (più di uno in verità) di qualità mediocre senza essere in grado di offrire supporto al software che ha sviluppato al proprio interno.

Disclaimer: la procedura riportata invalida la garanzia del terminale. Inoltre non siamo responsabili di eventuali problemi derivanti dall’aggiornamento, che può causare malfunzionamenti o addirittura rendere definitivamente inutilizzabile telefono.

Ottenere i permessi di Root

Attenzione: prima di eseguire queste operazioni è necessario un backup; i dati personali (sms, email, contatti, calendari) non verranno conservati. Se avete i vostri dati sui server Google, è sufficiente una sincronizzazione completa.

Per poter modificare il software di un terminale Android, è necessario ottenere i permessi di root. Questo perché le politiche di sicurezza di un qualsiasi sistema unix-like non permettono agli utenti regolari di effettuare modifiche sostanziali al sistema.

Il modo più veloce di ottenere questi permessi è la 1Click Recovery, disponibile per chi usa Windows. Questo sistema installa anche un’immagine di recovery (Amon.Ra) la cui funzione sarà più chiara a breve.

Per chi invece non ha a disposizione una macchina Windows, può seguire i punti Rooting the HTC Tattoo e Installing the ClockworkMod Recovery della guida HTC Tattoo: Full Update Guide sul wiki di Cyanogenmod.

Già fatto? Bravissimi! Riavviate il terminale tenendo premuto Home.

Recovery, ovvero la Porta del Paradiso

Schermata della recovery "Clockwork Mod"

Potete immaginare la Recovery come una sorta di bootloader, che vi permette di effettuare una serie di operazioni sul vostro telefono. La prima e più importante è il backup.

Scorrete fino a “backup and restore” e scegliete la modalità di backup che preferite. Consiglio un full backup, almeno per la prima volta. Personalmente, utilizzando la recovery Amon.Ra (inclusa con la procedura 1Click Recovery) non sono riuscito a fare il backup da li, ma ho dovuto utilizzare adb e fare qualche capriola da linea di comando. Invece con la Clockwork Mod (presa dalla guida Cyanogenmod) è andato tutto liscio.

Fatto questo, dovete fare wipe data/factory reset e wipe cache partition. Quindi, una volta che siete pronti, scegliete “install zip from sdcard”. Il file che dovete scegliere è quello della ROM che avete deciso di installare. Se non l’avete fatto, potete montare il dispositivo come unità USB direttamente dalla recovery: basta trovare la voce di menu corretta.

The Gingerbread man comes

Le ROM funzionanti a disposizione degli utenti dell’HTC Tattoo non sono molte. Su xda-developers c’è una ROM (che stiamo usando attualmente sia io che Stefano) chiamata “nFinityGB”, basata su CyanogenMod 0.7, e quindi con Gingerbread: http://forum.xda-developers.com/showthread.php?t=892401

I ragazzi di Cyanogenmod inoltre stanno sviluppando il loro firmware anche per il Tattoo. Tutti i link alle build sono disponibili a questo URL: http://www.cyanogenmod.com/devices/htc-click-tattoo (se vi sentite abbastanza temerari, potete installare una nightly, o aspettare una versione più stabile nei prossimi giorni).

Un po’ di pulizia

Avviato il vostro terminale, una volta ripresi dalla meraviglia di trovarsi fra le mani un telefono accettabile, sarete un poco spiazzati dal launcher. Tranquilli, non è l’abitudine alla Sense (che passa dopo circa 2 minuti dall’accensione): è adw.launcher che fa abbastanza schifo. Correte ad installare Launcher Pro e godetevi il vostro nuovo giocattolo.