Alle poste l’ardua sentenza.

Questa mattina sono andato in posta a versare sul conto corrente.

Entrato all’ufficio postale c’era l’immancabile enorme fila, guardo il distributore dei numeri e c’era quello specifico per i correntisti accanto a quello per le operazioni bancarie per non correntisti.

«Bene» penso fra me e me, è cosa buona che i correntisti possano avere un trattamento riservato, del resto contribuiscono più degli altri a mantenere aperta questa struttura.

Prendo il numero e subito mi rendo conto che qualcosa non va, come mai fra le ultime 4 chiamate nessuno era correntista?

In buona sostanza fra i 4 sportelli aperti ce n’erano 2 riservati alle operazioni postali (mi pare giusto) e 2 per le operazioni bancarie.

Di questi 2 uno si occupava esclusivamente delle operazioni per non correntisti (bollettini, multe, ricariche telefoniche e carte, ecc.) mentre l’altro faceva sia correntisti che non con una proporzione che non ho ben identificato.

Alla fine della fiera coda il risultato è stato che io correntista sono stato servito almeno 5 persone dopo quello che sarebbe stato il mio turno nella coda normale.

Alle poste ci tengono così tanto ai loro correntisti che vogliono tenerli con se ben più degli altri comuni clienti.

Ma se i correntisti non volessero?

Rispondi