Pagare Whatsapp con PayPal senza installare nulla nel telefono.

Per molti è venuto il giorno di paga. Non in cui ricevono la paga ma in cui devono pagare Whatsapp per continuare ad usarlo, 79 cent per 12 mesi.

Il pagamento si può fare direttamente dal Play Store di google (per chi usa ovviamente Android), il classico pagamento in-app.

Però magari qualcuno non vuole legare il proprio numero di carta di credito all’account su Play (penso ad esempio i genitori che trovano vantaggioso far comunicare i propri figli tramite Whatsapp ma non vogliono dargli la possibilità di acquistare altro).

Dal sito Whatsapp si può scaricare un’app sostitutiva che accetta il pagamento con PayPal, una volta rinnovato l’abbonamento si può tornare a quella standard del Play Store per poter avere gli aggiornamenti automatici.

C’è anche una terza via che consente di fare tutto online emulando quanto accade per l’app, sarà forse leggermente più macchinoso ma è la strada migliore (ovviamente dal mio punto di vista) da seguire anche per chi volesse rinnovare l’abbonamento anche senza il telefono a portata di mano, serve solo il numero di telefono da ricaricare.

Ribadisco che il procedimento è dei più semplici ma è assolutamente sicuro e nessun dato andrà a finire nelle mani di estranei (men che meno le mie).

Oltre al già citato numero di telefono ci servono due link.

Il primo link è questo: la pagina è in tedesco ma non c’è bisogno di capirla. Nella riga di sopra mettere il numero di telefono compreso il 39 iniziale ed aggiungendo abc alla fine (esempio: 393451234567abc) e premete il tasto
MD5 Hash generieren alla fine. Nella riga sotto comparirà un lungo codice incomprensibile (esempio: 94affd181d6ef279986a71b0ad03b5ef).

Non chiudete il primo sito perché poi avremo bisogno di quelle informazioni.

Passiamo ora al secondo sito, che è direttamente sul server di Whatsapp (se non vi fidate di Whatsapp vi consiglio di rimuovere la loro applicazione dal vostro telefono!). In questo caso dovremo generare noi l’URL secondo questo schema

http://www.whatsapp.com/payments/cksum_pay.php?phone=[telefono]&cksum=[codice]

Per telefono intendo il numero con il 39 davanti (ma senza abc) e per codice quello che abbiamo generato in precedenza.

Premendo invio ci comparirà una pagina che mostra il nostro telefono e ci chiede se vogliamo rinnovare il pagamento con PayPal o con Google Wallet. Scegliendo PayPal si entra nel gateway di pagamento e si procede esattamente come al solito.

Non preoccupatevi se sbagliate qualche passaggio, finché non arrivate al gateway di pagamento nessuno verrà a prendere soldi dal vostro account, se avete sbagliato grossolanamente non vi comparirà il pulsante per ricaricare e se avete controllato che il numero sia giusto nella pagina prima di dare l’ok al pagamento solo per quel numero verrà rinnovato l’abbonamento per un anno.

Tutto chiaro?


Smart (?) phone

Mi telefona in negozio una cliente a cui abbiamo mandato un sms automatico per dire che era arrivato un prodotto che aveva cercato.

Mi segnala che il numero da cui mandiamo i messaggi risulta inesistente, le dico che i nostri messaggi non hanno numero di mittente uscendo da un sistema automatico. Lei mi risponde invece che c’è e che l’aveva salvato in rubrica. Per l’esattezza il numero (evidentemente inesistente) era 72273684 ovvero le cifre i cui tasti servono per comporre la parola “Scardovi”.

Proprio uno smartphone.

10 criptiche risposte a [mini]marketing

Rispondo ai 10 criptici pensierini su blogger, influencer, advertising, aziende, pagamenti, baratti di [mini]marketing.

Se vieni pagato per fare qualcosa, sei dipendente o consulente, mai indipendente. Come lo sarà il tuo giudizio sulla cosa, anche agli occhi degli altri. Quindi: se parli di (diffondi in giro) qualcosa in cambio di qualcosa, questo rientra nel baratto, e giuridicamente nei contratti commerciali.

Se io chiamo un idraulico per riparare un rubinetto non diventa mio dipendente né consulente, rimane indipendente, libero delle sue scelte e libero io di chiamarlo anche per l’intervento successivo come di non chiamarlo.

Se scrivi sul tuo blog cose che non scriveresti se non fossi pagato (o barattato), stai facendo advertising — nel posto sbagliato. Corollario: e il tuo committente sta comprando pubblicità, non contenuti, e se è intelligente, dovrebbe pagarti a CPM o CPC.

Non è questo il mio caso, perché prima di accettare di scrivere di qualche prodotto penso se è un argomento che i miei lettori abituali si aspettano. Ho rifiutato post a pagamento di giochi d’azzardo, auto, orologi. Banalmente perché non ho né l’interesse né la competenza di scriverne, soprattutto senza provare il prodotto. Corollario: se io compro lo spazio pubblicitario sul volantino della sagra paesana non ho informazioni attendibili riguardo al CPM.

Corollario del corollario: stai trasmettendo spot alla tua audience, non contenuti. E si noterà. Se scrivi davvero per i tuoi lettori (o i tuoi amici e contatti), dovresti mostrare anche il lato negativo dell’esperienza, anche se all’azienda non piacerà.

Sempre scritto, sia io che gli altri autori di questo blog. (che sia per questo che le offerte di prodotti in prova si sono così diradate nel tempo?)

Se invece ai tuoi lettori questo non interessa, i tuoi lettori sono probabilmente tuoi colleghi, non veri utenti del servizio/prodotto che recensisci.

Non ho capito molto, ma se ho capito è il classico discorso del segnale/rumore. Finché quello che scriverai di tua spontanea volontà sarà abbastanza a farmi accettare le markette allora continuerò a seguirti, quando cesserà questo interesse me ne andrò. Sta all’autore del blog scegliere quando fermarsi.

Questo gioco funziona finché il committente non misura i risultati concreti.

Su questo posso concordare, ma i risultati da misurare sono tanti e tali che un’informazione completa non sarà mai ottenibile.

Se pensi prima agli inserzionisti che ai tuoi lettori, allora sei poco più di un volantino o di un uomo sandwich.

Come dicevo prima, penso prima se ai miei lettori potrebbe interessare ciò che ha da dire l’inserzionista.

Se invece lo scrivi nei canali del committente, sei un copywriter (a baratto)

Se lo scrivi come commento al blog/pagina FB del marchio? Più che un copywriter mi sembreresti la claque.

Se usi un servizio gratuitamente in cambio di una promessa vaga di scriverne in futuro, sei un tipo di giornalista molto diffuso.

Dove sta il male se ti viene offerto un prodotto/servizio senza l’obbligo di scriverne? Non è lo stesso prinicio dei servizi freemium?

Esiste qualcuno che può fregare Google. Ma non sei tu.

Anche questa non l’ho capita, oggi sono di coccio.

Quando tutto diventa format, la concorrenza è sul prezzo. Quando la concorrenza è elevata, il prezzo tende a zero.

Sarà un problema solo per il blogger che vuole campare di markette. Aumenterà il rumore e perderà il pubblico… un po’ come i siti dei grandi quotidiani.

Il ballo bello del bollo bullo.

Bello fino ad un certo punto, ma ci stava il gioco di parole.

Grazie al cielo domenica era proprio domenica e non era un altro giorno della settimana. Perché altrimenti avrei pagato il bollo dell’auto in ritardo visto che me ne ero completamente dimenticato e mi sono salvato in corner grazie a PiccoloImprenditore che però è stato più tempestivo di Gaspar qualche anno fa.

Corro subito sul sito apposito dell’ACI pensando di essere in ritardo e scopro invece con mia somma felicità che oggi era ancora un giorno valido.

Il bollo da pagare per un auto monovalente (serbatoio della benzina non superiore a 15 litri) a metano è ¼ di quello normale per non so quale normativa ecologica. Vale a dire meno di 50 Euro per un anno.

Stampo la pagina per comodità e vado dal tabaccaio qui vicino il quale inserisce la targa e subito ne esce l’importo, di quasi 200 Euro!

Ok, visto che non pagherò mai più il bollo alle poste per vecchie disavventure, torno a pensare all’ACI ed al loro magnifico sistema di pagamento online.

Dell’auto sa già ovviamente tutto (oddio, ovviamente, non lo darei per scontato visto che anche il terminale del tabaccaio doveva sapere tutti i medesimi dati) quindi inserisco i dati personali, arrivo nel gateway della carta di credito e pago. Sul sito non mi compare più nulla però contestualmente mi arriva una mail che mi comunica l’effettuato pagamento. Dopo un po’ mi arriva un’altra mail, dall’ACI, che invece dice che non hanno ricevuto il pagamento (riportando gli estremi del pagamento compreso il codice della quietanza!) e di ripetere il tutto.

Ripeto tutto, sembra che vada meglio, mi arriva di nuovo la mail di conferma della transazione dal gateway quando il browser dovrebbe farmi rivedere il sito dell’ACI che risponde con un magnifico errore 500.

Nessuna altra mail, nessuna altra pagina, se arriva domani devo pagare per il ritardato pagamento.

Torno dal tabaccaio nel caso i loro dati nel frattempo si siano correttamente aggiornati, nulla, ancora 200 euro scarsi.

Prendo l’auto per andare all’ACI a 3 km da qui, arrivo alla prima rotonda ed una mail mi giunge al telefono con oggetto: “Conferma effettuazione pagamento con il servizio BolloNet.” Torno alla base.

Per chi su internet ci naviga e ci lavora tutti i giorni da oltre 15 anni la scelta del web dovrebbe essere la prima, la più naturale. Invece ogni volta quando si tratta di lavorare con un ente pubblico o assimilati è sempre un’avventura, sempre la paura di essere riusciti alla fine ad aver fatto ciò che si era obbligati (in forza di legge o di monopolio) a fare.

Tutto è bene quel che finisce bene. Ma se finisse prima e meglio? Queste cose non sono alla fin fine una tassa occulta in termini di tempo perso e stress guadagnato?

Anche i blogger mangiano.

Parto da questo post di Domitilla per fare un ragionamento rapido rapido (per però non sta in un tweet).

Parafrasando un po’ una soap di tanto tempo fa dico appunto: anche i blogger mangiano. È un difetto proprio del genere umano quello di aver bisogno di mangiare.

Quindi a questo punto si devono dividere i blogger in tre categorie:

  1. Quelli che dalla loro attività di blogger devono mangiare;
  2. Quelli che, pur avendo un altro lavoro primario, usano l’attività di blogger per mangiare di più;
  3. Quelli che invece non hanno alcun bisogno di bloggare per soldi, non importa se lo fanno per sport o per promuoversi nella propria attività principale.

Ebbene, sapendo che è estremamente facile scoprire chi gioca in modo non del tutto chiaro, io continuo a ritenere che ogni blog è libero di scrivere ciò che crede, anche di ospitare a pagamento post scritti da altre aziende senza comunicarlo. Ad esempio se su un certo numero di blog iniziano a comparire post scritti con uno stile diverso dal solito si può facilmente ritenere che ci sia dietro un’operazione economica. A questo punto sta a noi valutare la credibilità del blogger eventualmente anche rimuovendolo dalle nostre fonti abituali.

Per quanto mi riguarda non ho mai pubblicato a mio nome post scritti da terzi ed ho sempre segnalato adeguatamente i post, comunque integralmente farina del mio sacco e che ritenevo potessero essere interessanti per il mio pubblico abituale.

Ed i soldi, a parte una piccola cifra che è andata in beneficenza ed una ben più grande che è servita a difendermi da una minaccia di denuncia per diffamazione, sono rimasti nelle mie tasche.

Sentitevi liberi di non leggermi più, ma per carità non solleviamo la questione morale ogni santa volta come se chi viene pagato sia brutto e cattivo mentre chi non viene pagato ma magari ricava dal suo blog, usato come strumento di autopromozione, molto di più.

Il re è nudo, e se per questo ci stracciamo le vesti rimaniamo nudi anche noi.