Assistenza Asus: cronaca di una brutta esperienza

Premessa

Il fratello più giovane del mio VX1 - photo: Pierre Lecourt / Blogee.net

Possiedo da qualche anno un bellissimo Asus Lamborghini giallo. Un Core 2 duo con 2 GB di RAM, un onestissimo display da 15’’ 4:3 e tanti km sulle spalle. Sarebbe più giusto dire “possedevo”, ormai. Ma andiamo con ordine.

Settembre 2011: la sorpresa

Un giorno di fine settembre il display mi abbandona, senza preavviso. Dopo i primi momenti di panico ricordo di aver acquistato la garanzia estesa da Mediaworld, e scopro con piacere di essere nei tempi giusti, ad appena qualche giorno dalla fine del quarto anno. Avvio quindi la procedura di RMA con Asus, vengo messo in contatto con un centro autorizzato (sono un paio in Italia) e preparo come da indicazioni il pacco per il corriere.

Ottobre 2011: le stranezze

Dopo qualche giorno ricevo il preventivo, attorno ai 300€, per la sostituzione di display e inverter. Accetto, consapevole che la garanzia estesa mi avrebbe rimborsato circa l’80% della cifra.

E qui iniziano le prime stranezze: devo scegliere la modalità di pagamento. La procedura prevede la possibilità di pagamento online con carta di credito, ma il sistema non funziona, così come il sistema di tracciamento online dello stato della riparazione. Telefonicamente, il centro assistenza mi comunica che il sistema era in aggiornamento (a gennaio 2012 verificherò in realtà che l’aggiornamento non era mai avvenuto) e che inoltre non avrei potuto pagare con bonifico, ma solo in contrassegno.

Accetto e comunico un indirizzo di spedizione diverso da quello di fatturazione, indicando una persona di fiducia. Questa possibilità mi viene negata:

Gentile centro,
non è possibile eseguire quanto sotto,
Unico campo:
ci comunichi esatto indirizzo di consegna, la fattura riporterà tali dati, il sistema non accetta dati controversi.

Concordo quindi una modifica dell’intestazione fattura a posteriori per potermi rivalere della garanzia Mediaworld a mio nome.

Novembre 2011: l’attesa

A intervalli regolari contatto il centro assistenza che ha in carico il mio PC, ricevendo in risposta che stanno attendendo il pezzo da Asus, e che non hanno tempistiche. Dopo la quarta email vengo invitato a contattare Asus. Che mi risponde che non è in grado di fornirmi le tempistiche.

Dicembre 2011: lo rivuoi?

A inizio dicembre 2011 riscrivo abbastanza irritato, chiedendo le tempistiche. La risposta, non firmata (come tutte le comunicazioni con Asus Italia), mi propone reso non riparato. Ad ogni mia richiesta di chiarimento mi viene copiaincollata la stessa parte di email:

Gentile cliente,
la sua pratica è ancora in attesa delle parti di ricambio e non abbiamo una tempistica da poterle fornire, se lo desidera possiamo rendere il prodotto con una dichiarazione di non reperibilità delle parti.

Rifiuto il reso non riparato, chiedendo part number del componente e  chiedendo che la mia richiesta venga escalata ad un responsabile.

Gennaio 2012: le bugie

Passano le vacanze di Natale, arriva il 2012. A meta gennaio ricevo una mail dal centro assistenza che mi comunica un tracking number DHL, senza altre comunicazioni. Qualche giorno dopo ricevo il PC senza corrispondere nulla al corriere, chiaramente non riparato.

All’interno una bolla che cita “reso per preventivo rifiutato”.

Contatto subito il centro assistenza sottolineando che hanno dichiarato il falso e che la gestione dell’RMA non è stata assolutamente trasparente.

Buongiorno
per questa ed altre informazioni è necessario contattare l’help line Asus all’ 199.400.089
Cordiali Saluti

Febbraio 2012: i questionari

Vari impegni mi fanno dimenticare la faccenda, finché un giorno non ricevo un questionario sulla soddisfazione dal servizio clienti Asus, che valuto in maniera estremamente negativa. Dopo qualche giorno un operatore mi contatta telefonicamente per avere informazioni sul questionario, e per chiedermi delucidazioni sulla mia soddisfazione indipendentemente dal servizio di riparazione. Fatico un po’ a capire, spiego la situazione e l’operatore mi dice che riporterà la cosa nella sua relazione. Boh.

Qualche giorno dopo ricevo un altro questionario. Non mi trattengo più, e sfodero una delle migliori supercàzzole che abbia mai prodotto.

Spero vi piaccia.

Sono stato contattato da un vs. operatore in merito ad un feedback negativo su questo questionario; se questo questionario è un questionario relativo al contatto telefonico relativo al feedback negativo sul questionario precedente, vi prego di non chiamarmi di nuovo per un sondaggio relativo a questo questionario negativo, in quanto peggiorate solamente la mia percezione del vostro servizio clienti; vi prego di contattarmi solamente in caso di sviluppi relativi all’RMA XXXXXX riguardo la quale ho espresso il mio parere estremamente negativo nel sondaggio precedente (non in questo sondaggio). Grazie, saluti, a presto.

Conclusioni, ringraziamenti, riconoscimenti

Non acquisterò mai più Asus. Sono convinto che facciano dei buoni prodotti, ma fare un buon prodotto non è tutto. Quello che è mancato è la chiarezza nel dire subito che la parte non era reperibile per permettermi di organizzarmi diversamente con l’acquisto di un nuovo portatile, e l’onestà nell’avvisarmi della spedizione del reso non riparato. La dichiarazione falsa sulla bolla di accompagnamento è stato un gesto ancora più elegante.

p.s. questo post, il suo autore e il suo editore non sono affiliati in alcun modo con Asus o con il Centro Assistenza autorizzato.

Il buio in fondo al tunnel | Il Post

Pur con le cautele che il rigore scientifico impone di fronte a scoperte ed esperimenti che hanno bisogno di attente verifiche, il ministero e il governo non possono non constatare che laddove sono stati mantenuti investimenti sufficienti a consentire qualificate ricerche scientifiche, queste ricerche danno dei frutti e approfondiscono la comprensione del mondo e di ciò che è ancora oscuro, rendono lustro al lavoro delle istituzioni scientifiche italiane, e pongono le basi per il rinnovamento della crescita economica e scientifica nazionale.

Il ministero e il governo non possono che esserne fieri e trarne il giusto insegnamento per il futuro e per le valutazioni sugli investimenti necessari al nostro paese, che solo dalla solidità della sua scuola, università e ricerca scientifica potrà trarre i mezzi per tornare a essere competitivo culturalmente, scientificamente ed economicamente con il resto del mondo, come merita.

via Il buio in fondo al tunnel | Il Post.

Se mai un governo facesse un comunicato del genere non sarebbe in Italia.

Gettare la rete in rete*.

bxvi

Confesso di essere in notevole ritardo nella lettura del messaggio del Papa per la XLV Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali.

Tanti altri ne hanno già parlato, generalmente più che bene anche fra i detrattori del Papa e della Chiesa, ma solo oggi sono riuscito a leggerne il testo integrale.

Visto la brevità e la chiarezza che racchiude al suo interno, vista la condivisibilità anche da parte dei non cattolici invito tutti a leggerlo.

Da parte mia volevo scriverne un commento, poi ho pensato che fosse già bello così.

Poi volevo ricopiare qui le parti più meritevoli, ma non sapevo quali tagliare.

Alla fine volevo copiarlo tutto ed evidenziare le parti più degne, ma avrei evidenziato tutto. Ed avrei pure violato il copyright.

Dunque il link è in alto, se volete leggete.

* Da tempo immemorabile mi piacerebbe organizzare un barcamp con questo titolo (e l’ovvio argomento), se qualcuno vuole collaborare ci possiamo provare.

Tron: Legacy, un 3D molto piatto.

Ci ho messo un buon mese per elaborare il lutto, non per la morte di Flynn (padre) e neppure per quella di Tron.

[Disclaimer: visto che ormai chi voleva vederlo l’ha visto e chi non voleva vederlo non lo vedrà grazie alla mia recensione, questo post potrà contenere descrizioni di parti del film che potrebbero rovinare la sorpresa a chi andasse in sala in seguito]

Tron-Legacy-Billboard-USA-04Premetto che attorno al secondo racconto della saga Tron avevo costruito molte aspettative, visto che l’originale rimane per me uno dei più bei ricordi di gioventù. Al suo tempo era un film veramente avveniristico, girato con tecnologie più che all’avanguardia.

Era un film costruito nell’universo informatico, non poteva essere spostato altrove.

Ero così fremente che ho pensato che fosse il primo film a meritare la visione in 3D da parte mia.

Ebbene Tron: Legacy è un qualunque film con una trama che preveda un universo parallelo (non necessariamente informatico) e la realizzazione parziale in 3D (buona comunque l’idea del gioco fra 2D nel mondo reale e 3D in quello virtuale ma allora potevano far pagare come un 2,5D) lascia abbastanza a desiderare. Nelle immagini completamente digitali il 3D c’è e si apprezza, in quelle dall’alto pare di poter dare uno scappellotto a chi passa. Nelle immagini frontali con gli attori invece pare di vedere un bel libro pop up con i personaggi piatti su piani differenti.

Nulla da eccepire invece sui mezzi di trasporto: la costruzione delle moto con tutti gli organi meccanici in movimento in 3D vero è spettacolare ma un film non si regge su un solo effetto speciale.

Il film scorre via nell’attesa dell’inizio, perché l’elemento definitivo non arriva mai. Di un’ovvietà scontata passata ad attingere a piene mani da una miriade di altri capolavori (più o meno) senza evidenziare la citazione. Perché se in L’apprendista stregone il cattivo copia pedissequamente la mossa di Obi Wan Kenobi all’inizio di Episodio IV e il suo assistente aggiunge: “Non sono i droidi che state cercando”, la citazione è lapalissiana e strappa anche un sorriso. Se invece qui si prende su, come dice anche Attivissimo, da una miriade di film (e manca, se non altro, la citazione di Top Gun)

Non mi è piaciuto (aggiungere elenco delle cose che non sono piaciute).

Sì, non mi è piaciuto.

E la cosa più grave è che manca il personaggio essenziale: Bit!