Problemi BlackBerry con Google.

Stamattina, grazie alla pagina sui software per BlackBerry 8100, mi contatta un utente via mail.

Non gli funziona Google Mobile Apps. Pensavo fosse un problema singolo, ed invece è qualcosa di abbastanza generalizzato.

In buona sostanza in questo momento i rubinetti del BIS (BlackBerry Internet Service) sono stati chiusi quasi integralmente.

Ad esempio mentre vi scrivo le applicazioni native BlackBerry funzionano tutte regolarmente (comprese quelle installate in seguito come Google Talk e Facebook). Al contrario quasi tutte le applicazioni di terze parti partendo proprio dalla suite mobile di Google ma senza escludere Viigo e WordPress lamentano la mancata disponibilità della rete. Al contrario per esempio ÜberTwitter funziona regolarmente.

Tutto questo per gli utenti TIM come me (però per esempio mio fratello, pur essendo anche lui su TIM, non ha questo problema per ora), non so dirvi per gli altri operatori.

Per chi può (coloro che hanno un piano telefonico con dati inclusi su un APN diverso da blackberry.net) la soluzione è attivare l’APN dell’operatore telefonico, per gli altri non c’è che da aspettare per avere notizie dagli operatori o da RIM stessa.

Se nelle prossime ore la situazione si evolve vi terrò informati da questo post.

[update 24/10/09 ore 11.00]

Dopo qualche altro tentativo ed un’altra vittima sono ragionevolmente sicuro che la colpa sia di Google Mobile Maps 3.2.0. Purtroppo anche rimuovendo l’applicazione non si risolve il problema. Procedo con i tentativi per ripristinare il corretto funzionamento del telefono, nel frattempo suggerisco a tutti coloro che non avessero ancora aggiornato di non installare GMM 3.2.0 in attesa di risposte definitive.

[update 24/10/09 ore 14.30]

Allarme rientrato, su suggerimento di Andrea di BlackBerryItalia.it ho chiesto a TIM di rimandarmi i dati di configurazione e tutto è tornato correttamente a funzionare, strano che nei forum di supporto di Google questo non venisse suggerito.

Software gratuito per BlackBerry.

Da qualche giorno se mi leggete tramite il sito avete visto che in alto è comparsa una nuova pagina dal titolo BB8100. Se mi seguite tramite il feed magari questo post vi è utile per scoprilo.

Si tratta di una raccolta di programmi gratuiti per BlackBerry, per l’esattezza quelli installati nel mio 8100 Pearl. Nel limite del possibile sarà mantenuta aggiornata con quanto effettivamente inserito, rimosso, aggiornato nel mio telefono.

Internet ovunque. Troppo pervasivo?

L’altra sera passeggiando con mia moglie siamo arrivati davanti ad una libreria. Ad un certo punto ho letto Roald Dahl su una copertina.

Certo che so chi è Roald Dahl, ma non riuscivo a farmelo venire assolutamente in mente. Diamine che fastidio questa situazione.

Allora ho preso fuori il mio fido BlackBerry ed in pochi click sono andato a leggere l’enciclopedia cosa diceva.

Diamine, come facevo a non ricordare Le streghe, Matilde o anche La fabbrica di cioccolato!

Tutto questo per dire cosa? Ma che senza internet io sarei rimasto nella mia beata ignoranza. O forse no.

Ho una connessione permanente ad internet da 12 anni, a casa da 4 ed in mobilità da 2. La mia prima connessione ad internet da mobile risale al 1999. Ormai sono anni in cui ogni domanda trova risposta in internet nella nuvola.

Come i nostri file sempre più spesso non sono accanto a noi ma entrano nel cloud (io l’ho fatto in questi giorni con il server di posta dato in ostaggio pasto a Google Apps) così è anche del nostro sapere. Tanto più è facile recuperare un’informazione tanto meno la nostra mente si impegnerà per ricordarla.

Dobbiamo preoccuparci più dei computer che diventano intelligenti come noi o di noi che deleghiamo ai computer sempre più delle nostre prerogative?

Io farei fatica a ricordarmi anche quello che devo fare domattina senza elettronica, e voi?

BlackBerry e Twitter.

Fino a qualche giorno fa usavo TwitterBerry con la beta 0.9 come client per Twitter per gestire il mio account @scardovi.

Però questo applicativo era di una lentezza esasperante nel download degli aggiornamenti.

Così ho trovato ÜberTwitter che, pur essendo solo alla beta 3, è decisamente più rapido e funzionale.

ub01Anche dal punto di vista grafico si presenta decisamente bene fatta eccezione per l’icona che è orripilante. Utile invece che segnali quanti, fra parentesi prima del nome dell’applicazione, cinguettii devi ancora leggere senza aprire l’applicazione stessa.

ub02Appena si apre il programma compare l’elenco dei twit più recenti come in qualunque applicazione analoga, l’elenco si aggiorna istantaneamente. Nessun paragone, come dicevo, con TwitterBerry. In caso di messaggi diretti a noi questi vengono evidenziati con uno sfondo giallo rendendoli così immediatamente riconoscibili.

ub03Cliccando su un twit lo apriamo rendendolo molto più leggibile, inoltre scopriamo in fondo vita morte e miracoli del twittatore.

ub04I menu in ogni schermata sono enormi, le funzioni (come anche le impostazioni) del programma sono tantissime ed ancora non ho finito di scoprirle. Tutto questo comunque non rallenta il mio BlackBerry 8100 anche se ho impostato di scaricare ogni 10 minuti i nuovi twit (e dunque l’applicativo rimane attivo in background e non chiuso).

ub07Ovviamente non può mancare la pagina per la composizione di un twit. Anche qui i menu consentono una serie vastissima di funzionalità compresa la geolocalizzazione tramite GPS interno o da cella telefonica e l’inserimento di un’immagine nel twit.

ub06Fra le funzioni interessanti ci sono i trending topics ovvero gli argomenti di cui si parla maggiormente, in questo periodo ad esempio non può mancare #IranElections.

Lascio a voi lettori la parola, quali altre funzioni interessanti avete trovato in ÜberTwitter? In alternativa quale altro programma per twitter usate nei vostri BlackBerry?

Google Latitude su BlackBerry.

Ormai in tanti hanno sentito parlare di Google Latitude, il nuovo sistema di localizzazione geografica individuale rilasciato dal colosso di Mountain View.

Google Maps versione 3.0.1Se utilizzate un BlackBerry basta aggiornare (o installare nel caso aveste commesso l’errore di non averla già disponibile nel vostro dispositivo) Google Mobile Maps alla versione 3.0.* (in questo istante l’ultima rilasciata è la 3.0.1).

latitude2A questo punto si troverà il nuovo menu Latitude per attivare il servizio. Nulla di più semplice.

Il passo successivo è stabilire se e come rendersi visibili sulla mappa dei propri contatti (solo quelli con cui ci saremo scambiati l’autorizzazione specifica per questo servizio).

latitude3Si può far rilevare la propria posizione automaticamente come già Google Maps Mobile fa per indicare a noi dove ci troviamo (con o senza GPS), impostarne una manualmente oppure, ovviamente, nasconderci del tutto.

Altra funzione poi attivabile per ogni singolo contatto consiste nell’indicare la posizione il più precisamente possibile oppure di indicare la sola località in cui siamo.

latitude4Il gioco è fatto, nella nostra mappa vedremo la nostra posizione aggiornata e quella di tutti i nostri contatti attivi e potremo organizzare in modo estemporaneo un incontro.

Oppure può essere utile anche per tenere traccia della posizione dei figli (ovviamente con il loro consenso), e perché no anche per inseguire il proprio telefono appena rubato.

C’è però da considerare anche l’aspetto privacy, perché se si aprono le porte di Latitude a troppe persone potrebbe anche capitare di fare brutti incontri.

Quindi sì alla possibilità di far sapere dove ci si trova (soprattutto se lontani dagli ambienti abituali) ma sappiatevi regolare adeguatamente con le opportunità date ad altri di vedervi.

Buzz iberico.

Tramite .mau. vengo a conoscenza di una classifica di blog spagnola che comprende anche blog italiani.

Però più che a BlogBabel assomiglia a BuzzParadise in quanto anche la classifica medesima è generata sulla capacità di produrre buzz.

Guardando la scheda del vecchio blog (questo l’ho fatto indicizzare solo ora) vedo una serie di informazioni interessanti. Infatti oltre alla mera classifica generale o quella nazionale che lasciano il tempo che trovano c’è la classifica per argomento, ovvero la capacita di generare buzz (qualunque cosa questo significhi e come venga calcolato) in un tema specifico.

Ecco il vecchio blog (che comunque condivide il feed del nuovo) ad esempio è in posizione 35 per la telefonia mobile, probabilmente per i molteplici post sul BlackBerry 8100 che ancora oggi sono quelli che mi portano più traffico dai motori di ricerca.

Il sito è tutto in spagnolo ma facilmente comprensibile, se vi registrate potete accedere alle varie iniziative di buzz, ad esempio che ne pensate di un abbonamento che vi mandi a casa uno spazzolino nuovo ogni tre mesi per ricordarvi di cambiarlo?

Tutto questo per dire ai signori produttori di telefoni che possono rivolgersi anche a me e non solo alle blogstar per far provare i loro prodotti. Io magari resto fedele al mio Pearl ma a casa avrei diversi soggetti a cui far collaudare altri apparecchi di cui volessero farmi omaggio.

BlackBerry 8100 Pearl: bilancio dopo un anno.

FrontImage by Nathan Huth via Flickr

È ormai un anno che uso quotidianamente il piccolo di casa RIM.

Ho già parlato abbondantemente del (e col) BlackBerry 8100 in questo anno ed il mio post sul firmware 4.5 è il più letto quasi tutti i giorni ed in 3 mesi ha superato le 1300 viste. Lo dico così se per caso la RIM volesse fornirmi un nuovo apparato da provare io sono disponibile 😛

Il bilancio a 366 giorni (il 2008 è bisestile) dell’apparecchio è certamente positivo, molte sono le caratteristiche che hanno risposto alle mie aspettative, diverse sono le piacevoli sorpese ed alcune, poche a dir la verità, sono le pecche.

Ovviamente questa è la mia personale opinione, con le mie personali necessità e nella mia personale esperienza.

La funzione principale che uso del Pearl è la gestione della posta, non tanto per scrivere quanto per leggere e smaltire. Ad esempio tendo ad usarlo anche quando sono di fronte al PC, le email spesso arrivano prima sul BB che sul PC stesso e quando si tratta di semplici notifiche la gestione è molto rapida. La scrittura delle mail, per le dimensioni ridotte della tastiera, è certamente difficoltosa anche se il completamento automatico introdotto dal firmware 4.5 ha sveltito il lavoro.

La seconda funzione più utilizzata è l’agenda, sincronizzata con quella di Outlook 2007. Gestendo una famiglia di 10 persone è importante tenere traccia dei vari appuntamenti scolastici e sportivi oltre che personali e professionali.

La terza funzione sono news e meteo forniti da Viigo, un ottimo reader RSS per qualunque feed standard oltre che per quelli dedicati.

La quarta funzione è la ricerca su internet, ad esempio un giorno incrociando google maps e paginebianche sono riuscito a trovare un numero telefonico per mio suocero sapendo un nome e la zona in cui pensava abitasse questa persona.

Al quinto posto viene poi la funzione di base, il telefono. Trovo semplicemente ottima la funzione telefonica, basta iniziare a digitare i tasti del numero o delle lettere del nome in rubrica. La ricerca in rubrica secondo me vale anche per usarlo come semplice telefono senza le funzioni di rete. Infatti la ricerca viene fatta per tutte le parole di nome, cognome ed azienda. Quindi ad esempio con 2 lettere del nome <spazio> 2 del cognome o ogni altra combinazione analoga si trova una persona anche all’interno di un rubrica molto lunga. Unica modifica che apporterei è quella della ricerca anche per numero.

Altra funzione comoda nel telefono è l’uso alternato dei numeri. Per una qualunque chiamata fatta, ricevuta o persa è possibile richiamare uno qualunque dei numeri telefonici abbinati al contatto come pure mandare un SMS o una mail.

Trackball e tastiera secondo me sono molto intuitive nell’uso, da subito mi ci sono trovato a mio agio pur venendo da un telefono touchscreen.

Anche la sezione multimediale con il player MP3 funziona abbastanza bene, anche se non è che lo usi molto.

La sezione più risicata dell’apparecchio è la macchina fotografica che scatta foto guardabili solo se prese a distanza ridotta e non è in grado di acquisire video.

Fra i gadget che completano la serie ci sono la custodia con magnete che informa il telefono quando si trova dentro di essa bloccando la tastiera da azioni accidentali e volendo anche modificando il modo di operare del telefono stesso (suonerie ad esempio). Anche la composizione vocale è efficace (forse più utile abbiandola all’auricolare in dotazione o ad uno BlueTooth) soprattutto perché capisce le parole dette e non banalmente fa un raffronto rispetto ad una registrazione precedente. Questo fa sì che si possa usarlo da subito senza operazioni di istruzione preventiva e ad ogni aggiornamento della rubrica è subito pronto a lavorare.

La velocità generale del sistema a volte lascia un po’ a desiderare anche perché si tende a non chiudere le applicazioni ma a lasciarle in secondo piano ed ogni applicazione chiede le proprie risorse e la propria banda. La batteria al contrario è ottima, almeno per il mio uso quotidiano. La ricarica con la sincronizzazione posso farla tranquillamente ogni 2-3 giorni senza problemi e senza rischio di rimanere a secco.

La disponibilità di applicativi aggiuntivi, anche gratuiti, è vasta in tutti i settori e l’installazione è agevole sia via OTA (Over The Air, direttamente da un sito al dispositivo) sia tramite sincronizzazione con il PC.

Questo post comunque aveva lo scopo di ricapitolare a favore dei molti che cercano informazioni in generale, tramite l’apposito tag potete vedere i singoli post sulle varie esperienze e sui vari prodotti.

BlingBall, l’erede di ColorPearl.

Se non sapete cosa sia ColorPearl potete evitare direttamente questo post.

Se invece anche voi, dopo aver aggiornato il vostro BlackBerry 8100 al firmware 4.5 ne sentivate nostalgicamente la prematura scomparsa avete di che essere felici.

È arrivato infatti l’erede: BlingBall.

Lo potete trovare su BlackBerryForums (è richiesta la registrazione), non è disponibile via OTA dunque si installa dal PC. Dopo l’installazione è stato necessario (è non sono l’unico) un riavvio forzato del sistema rimuovendo la batteria per farlo comparire fra le impostazioni del BlackBerry.

Che dire, fa egregiamente il suo lavoro, il medesimo che faceva in precedenza ColorPearl ovvero dare un po’ di colore e personalità alla trackball dell’8100.